CGIL MOLISE

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:










 
 







 


"Il Molise che non si arrende"
E' stata sottoscritta oggi 7 agosto 2014  l'intesa tra le istituzioni e le parti sociali del Molise per il lavoro e l'area di crisi nel distretto Bojano-Isernia-Venafro
 
 
 
 
“IL MOLISE CHE NON SI ARRENDE”
Comunicato stampa di CGIL, CISL e UIL del Molise
Il Sindacato molisano da tempo ha individuato nella dichiarazione dell'area di crisi Venafro-Isernia- Bojano la prima e necessaria risposta forte ai problemi produttivi, occupazionali e sociali di quella vasta area del territorio regionale, ne ha rappresentato la portata nelle tante riunioni nei luoghi di lavoro e nel territorio, ha chiamato in piazza lavoratori, pensionati e cittadini nella "Marcia per il Lavoro" di fine giugno, ha impegnato i vertici nazionali del sindacato a sostenere questa richiesta nei confronti ministeriali.
Da tempo, però, avvertiva la necessità che su questo obiettivo si concentrassero gli sforzi di tutti i soggetti interessati: la Regione in primis, ma anche Province e Comuni, Camere di Commercio, forze sociali e datoriali. La sottoscrizione, alla vigilia della pausa estiva, di questa intesa, pertanto, viene rivendicata dal Sindacato anche come un coronamento delle analisi condotte, delle proposte avanzate, delle sollecitazioni presentate all'intera comunità molisana.
I soggetti che oggi firmano questa intesa non danno luogo ad una "ammucchiata" indistinta, dentro cui ognuno perde le proprie specificità e prerogative, rinuncia ad autonomia di analisi e azione; il Sindacato è ben orgoglioso della propria azione quotidiano a difesa dei diritti dei lavoratori, dei disoccupati, dei pensionati e dei cittadini tutti, continuerà a organizzare contestazioni e azioni di lotta per la promozione dei loro interessi, insisterà ad incalzare la politica, le amministrazioni, i datori di lavoro, per la costruzione di un futuro positivo e di benessere per il Molise ed i molisani.
Ma, quando serve uno scatto di orgoglio di un'intera Regione, quando occorre dare voce alla voglia di riscatto dei molisani, quando c'è un progetto e un'ipotesi vera di dotare anche questo territorio di strumenti che aiutino ad affrontare la crisi, il Sindacato molisano c'è, mette in gioco assieme ad altri tutta la propria forza, si impegna in una azione ad ampio raggio e con obiettivo ben chiaro e strategia condivisa in modo ampio.
 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu