libro CGIL - CGIL MOLISE

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

CONTENITORE > News HOME

LA CGIL DEL MOLISE PRESENTA IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO REGIONALE DAL TITOLO “ DALLA CRISI AD UNA NUOVA QUALITA’ DELLO SVILUPPO"
Giovedì, 5 ottobre 2017 presso l’Hotel Campitelli a Larino,la CGIL del Molise ha presentato, nel corso di un incontro pubblico, il documento dal titolo “Dalla crisi ad una nuova qualità dello sviluppo”.
La manifestazione è stata introdotta dal Segretario Generale CGIL Abruzzo e Molise Sandro DEL FATTORE e conclusa da Franco MARTINI della Segreteria Nazionale della CGIL.
Ci sono stati interventi e testimonianze non solo di delegati dai posti di lavoro, ma anche di docenti e ricercatori universitari, Sindaci e amministratori locali, Unione degli Studenti, associazioni culturali e di volontariato, rappresentanti delle attività produttive molisane.
La CGIL, con questa operazione di elaborazione e di sintesi iniziata a maggio del 2015 alla presenza della Segretaria Generale Susanna Camusso, ha inteso fornire il proprio contributo alla discussione sulla programmazione delle politiche regionali.
Il lavoro contiene anche schede di approfondimento riferite ai fondi 2014/2020 e analisi provenienti da soggetti esterni al sindacato.
Sono fondamentalmente sei le filiere individuate dal Sindacato per provare a lanciare un circolo progettuale virtuoso : Istruzione, formazione, ricerca, innovazione; Agricoltura; Tutela e valorizzazione del territorio; Cultura, ambiente, turismo; Reti e infrastrutture; Welfare e servizi alle persone.
La CGIL del Molise, nei giorni successivi alla presentazione del documento programmatico, ha avviato un'ulteriore fase di condivisione e confronto con tutte le realtà del mondo politico, sociale e del partenariato che hanno manifestato interesse verso le tematiche proposte.
Determinante, in questa fase, sarà anche il rapporto che si riuscirà a costruire con i sindaci che vengono ritenuti interlocutori fondamentali da parte del sindacato, per lanciare le basi di uno sviluppo territoriale sostenibile che passi anche per un percorso di buone pratiche amministrative da concertare con l’avvio della contrattazione sociale sui diversi temi di interesse comune.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu