FLAI - CdLT MOLISE

+39 0874-492500
+39 0874-492506 (fax)
Vai ai contenuti
3-7-2012
FLAI - PRESIDIO DEI LAVORATORI FORESTALI
Come annunciato nei giorni scorsi, IERI mattina i lavoratori forestali hanno tenuto il presidio in via Genova, 11 - davanti la sede della  Giunta Regionale-. Le insistenti richieste di incontro in cui si chiedevano certezze  per l’avvio della campagna del servizio antincendio, oggi, hanno trovato riscontro nel corso del breve confronto avutosi in tarda mattinata con il  Presidente della Giunta  Michele Iorio, incontro concesso  dopo  momenti di tensione tra i lavoratori.
Dopo aver ascoltato le OO.SS e i lavoratori, il presidente si è impegnato a trasferire le risorse necessarie per la campagna antincendio all’agenzia della protezione civile utili per l’assunzione dei lavoratori forestali che da oltre un trentennio grazie alle loro competenze e professionalità maturate, hanno garantito la sicurezza dei cittadini molisani. Nel corso dell’incontro i sindacati  hanno ribadito l’importanza della forestazione e del lavoro forestale e la necessità di darle prospettiva che è possibile garantire solo ed esclusivamente attraverso una attenta programmazione del territorio e della certezza delle risorse finanziarie.
A tal proposito è urgente l’apertura di un confronto a livello regionale in tempi rapidi affinché non ci siano incertezze per i lavoratori a partire dal 2013.
 
 
 
 
2-7-2012
FLAI - GLI OPERAI FORESTALI
Nonostante le numerose  richieste d'incontro presentate al Presidente della Regione Molise Sen. Michele IORIO e alla Protezione Civile per i problemi riguardati gli operai Forestali per la campagna del servizio antincendio 2012 nessuna risposta in merito abbiamo avuto.
I lavoratori Forestali e le scriventi OO. SS. chiedono da tempo:
1.   di conoscere l'avvio della campagna antincendio;
2.   il numero e la qualifica dei lavoratori;
3.   il numero delle giornate lavorative.
La situazione non è più sostenibile per le famiglie interessate e per la protezione dell'ambiente visto il gran caldo previsto nei prossimi giorni con rischio altissimo di incendi del resto già verificatisi in questi giorni.
Per tanto i lavoratori Forestali per protestare per la grave situazione venutasi a creare e per chiedere certezze per il loro futuro - Lunedì 02/07/2012 dalle ore 10.00 alle ore 13.00, terranno  un presidio in Genova ,11 davanti la sede della Giunta Regionale del Molise.
 
 
 
27-6-2012
FLAI - SITUAZIONE SOLAGRITAL
“Più ombre che luci nell’incontro di ieri mattina in Solagrital”, dichiara Giovanni Mininni Segretario Nazionale della FLAI CGIL.
La riunione, che si è tenuta per  discutere dell’apertura della Mobilità da parte dell’azienda, ha visto un aggiornamento alla prossima settimana perché non si è riusciti a raggiungere l’accordo con la direzione aziendale.
“Al tavolo regionale i vari soggetti si sono assunti ognuno le proprie responsabilità per rilanciare, con atti concreti, il sito industriale di Bojano. Se oggi avessimo firmato” continua Mininni, “ l’unico atto concreto fatto fino ad oggi sarebbe stato l’accordo che poneva in mobilità i lavoratori, mentre non sappiamo ancora cosa si è fatto con la filiera degli allevatori, per l’acquisizione del marchio e in che misura ci sarà una ricapitalizzazione da parte della Regione”.
“Abbiamo rappresentato all’azienda che non è possibile scaricare solo sui lavoratori i costi della riorganizzazione i problemi dello stabilimento non vengono solo dal costo del lavoro e coloro che saranno posti in mobilità non potranno essere allontanati dal lavoro senza avere un’integrazione al reddito. Siamo preoccupati perché molti elementi dell’intero piano non ci appaiono ancora ben chiari e l’azienda continua a non fornirci concreti elementi per dire che il piano industriale e la riorganizzazione possano realmente rilanciale lo stabilimento”.
La FLAI  CGIL vigilerà sull’intero percorso di una trattativa delicata e difficile che riguarda centinaia di famiglie molisane e chiede la massima attenzione alle Istituzioni  e alle forze politiche affinché sul futuro della Solagrital non si consumino guerre strumentali di parte ma si faccia l’interesse dei lavoratori e del territorio.
“Speriamo che per la prossima settimana si creino quelle condizioni che ci consentano di poter arrivare a un accordo” conclude Mininni “altrimenti ci troveremmo in una situazione di grande difficoltà e incertezza per il futuro dello stabilimento”.      
 
 
 

Creato da S. Fanelli
Torna ai contenuti